Graphicdays

Vedere e interagire.

Vedere e interagire: due facce della stessa medaglia nel processo di fruizione di un progetto di comunicazione visiva. Il pubblico percepisce il messaggio attraverso uno dei cinque sensi e stabilisce una connessione con un progetto più ampio, fatto di significati, strutture e interazioni. Non si tratta più di un rapporto univoco o biunivoco, ma della relazione tra l’essere umano e la comunità di riferimento, tra l’uomo e il territorio, con tutte le connessioni che ne derivano.

Va da sé, quindi, che il progettista grafico è guidato dall’interesse per le diverse culture e persone del mondo ed alimenta la sua ricerca costante con una iconografia ricca di simbolismo e significato. La progettazione diventa uno strumento di lettura e la misura intuitiva dei comportamenti umani volta ad innescare interazioni sociali.

Scegliere di portare avanti un progetto di comunicazione visiva come Graphic Days vuol dire innanzitutto prendere in considerazione la vitalità e la dinamicità delle forme e dei significati che ruotano intorno al segno grafico per amplificarne l’impatto sulla società e sulle relazioni umane: un processo circolare che mira a migliorare il contesto in cui trascorriamo le nostre vite.

(Ilaria Reposo e Fabio Guida)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.